Crea sito

 Le recensioni di Bruno Elpis  Le recensioni di Bruno Elpis Le recensioni di Bruno Elpis


 

 

"La chiave d’argento"

 

The silver key 

 

 

 

“The silver key” è un racconto di fantasia e sembra esprimere la convinzione di Lovecraft che il reale può essere percepito soltanto con mezzi magici: in forma onirica e simbolica, attraverso le perdute gioie dell’infanzia.

Protagonista è Randolph Carter con i suoi sogni.

Vi sono intrecci di tempo e spazio, visione e realtà, che soltanto un sognatore può intuire; e per quel che so di Carter, sono convinto che egli abbia semplicemente trovato un modo per attraversare quei labirinti.”

Nel sogno sembra materializzarsi una forma di sopravvivenza, che fa affermare: “… Non credo sia morto.”

E anche una sorta di persistenza comunicativa: “… M’aspetto di vederlo in una città dei sogni che entrambi visitiamo spesso …

 

Ma com’è la città dei sogni?

 

Naturalmente ha una fisionomia fantastica e colorata. E struttura reticolare. Ed è popolata da strane creature: “… Si dice che un nuovo sovrano regni sul trono di opale di Ilek-Vad, la favolosa città turrita sulla sommità delle irreali scogliere di cristallo, che sovrastano il mare crepuscolare dove gli Gnorri barbuti e provvisti di pinne costruiscono i loro bizzarri labirinti”.

 

E la chiave d’argento, cosa rappresenta?

E strumento magico che funge da trait d’union: “… Nei suoi criptici arabeschi può darsi che siano simboleggiati i disegni e i misteri di un universo cieco e impersonale.

Come dire che la realtà sommersa e parallela dei sogni è infinitamente più ricca della vita reale.

E come dare torto a H.P. Lovecraft?

 

                                                                  … Bruno Elpis

 

 

Le recensioni di Bruno Elpis Torna al menù


 La vetrina dei Lettori Autori

lettoriautori@yahoo.it