Crea sito

 Le recensioni di Bruno Elpis  Le recensioni di Bruno Elpis Le recensioni di Bruno Elpis


 

 

“Vortici” di Ilaria Spes e le video poesie di Massimo Rotundo

 

Vortici di Ilaria Spes 

 

 

 

Vortici” di Ilaria Spes è una raccolta di poesie, delle quali Manuela Moretti (cfr “La provincia” di Como del 23 maggio 2013) ha scritto: “Sono brevi e intense le poesie della comasca Ilaria Spes che raccoglie in questo piccolo volumetto, dal titolo “Vortici”, sensazioni forti, in grado di evocare appunto l’idea di un vortice che tutto sconvolge con la sua impetuosità e turbolenza.

L’autrice, attraverso la sua poesia, rivela un’acuta sensibilità, in grado di cogliere le piccole e grandi meraviglie di ciò che la circonda. E la loquacità che sembra nascondersi dietro al silenzio ad animare le sue poesie: dove tutto è immobile e la quiete sembra regnare sovrana, si nascondono sentimenti e sensazioni forti, in grado di toccare nel profondo l’animo umano.

Un silenzio eloquente dunque, “gravido di pensieri”, come lei stessa lo descrive, che fa percepire al lettore tutta la dirompente vitalità che si cela dietro una quiete apparente. Non manca, nei versi dell’autrice, qualche piccolo accenno al nostro lago”.

A questa raccolta, che contiene diversi componimenti premiati in concorsi letterari, Massimo Rotundo ha regalato un’ulteriore espressione vitale, penetrando sentimenti e impressioni poetiche con la forza delle immagini: perché Massimo Rotundo, interprete originale e artista egli stesso nel comporre  storie attraverso visualizzazioni e musiche, è abile e sensibile nel realizzare video-poesie e book-trailer: per constatarlo, basta dare un’occhiata al suo sito (http://massimorotundo.jimdo.com/) o alla sua pagina Facebook intitolata “Massimo Rotundo, l’artigiano delle emozioni”.

L’ultima video-poesia realizzata da Massimo Rotundo su lirica di Ilaria Spes s’intitola “Chiudo” e la trovate a questo link:

http://www.youtube.com/watch?v=K5Y1r8Qvpkw&feature=youtu.be

 

È stata l'ultima parola.

Mentre le onde strappavano

strascichi rosa di luna.

Mentre le stelle si celavano

con drappi di cielo.

Mentre cieche luci di barche

restavano mute,

abbagliate da fasci di faro.

Poi la tua flebile voce è svanita,

inghiottita d'arsura di cuore

e da morsi voraci di mare.

Inabissata in gorghi feroci

tra flutti silenziosi di nulla.

Ma la vela sospinta da sogni

s'è involata con lembi lievi,

protesi alla falce di luna.

Ed è lì che aspetta il vento.

                                   

In questo video, su colonna sonora di Brian Crain, “l’artigiano delle emozioni” modella i versi materializzando immagini che la poetessa evoca con la musica delle parole: parimenti, un foglio di carta si arrotola a pergamena e poi diviene barchetta come nel più bel gioco dell’infanzia. Ma i versi incalzano e la barchetta si fa vela e barca, si lascia guidare (o abbagliare?) da un faro, nei giochi dialettici tra sensibilità femminile (un abito nero, un drappo rosso) e natura (apparenze di luna, scherzi di onde, battigie levigate dall’acqua) , tra incubi di fondale e creature marine ancestrali. Senza perdere di vista la Luna che – come si sa - conosce la rosa dei venti.

Massimo Rotundo sui versi di Ilaria Spes ha realizzato i seguenti video:

 

                                                             

                                                   … Bruno Elpis

 

                                                       

                                                                                                                                                                                                                               Le recensioni di Bruno Elpis Torna al menù   

 


 La vetrina dei Lettori Autori

lettoriautori@yahoo.it